“… c’è chi sta peggio di noi”

           

Questa mattina… già tumultuosa in mezzo a via Nizza,
ancor prima di aprire il nostro portone.

Sulla porta, arriva Zakaria.
Cammina lento lungo il marciapiede, sorride, pare misurare i passi. Non tornava da tempo.
“Stai bene, Zakaria??”
“Eh, si…”
“Entra pure, caro, buona Colazione!”
Quando esce, sfila dalla tasca dei fogli, li spiega e mostrandoli aggiunge:
“Guarda cosa ho avuto.”
Un foglio di dimissione da un Centro di Riabilitazione… fitto fitto, con capitoletti spessi,
ci vorrebbe tempo per leggere ma già dal “titolo” lungo ed articolato è facile sintetizzare:
un tumore all’esofago.
Per far capire meglio, apre un poco il colletto della camicia:
un’evidente cicatrice contorna la gola. Richiude subito e sorride.

Zakaria è un Amico senza dimora. E’ di origine africana, la sua pelle è molto scura.
Ora, per strada in Italia, sta curando un tumore.
E cosa dice a commento, prima di salutare e darci appuntamento a domani?

“Dobbiamo ringraziare il Signore, sai, perché c’è chi sta peggio di noi,
l’ho visto in ospedale!”

A Torino diluvia. Ma sotto il portico della Charité splende il sole.

Grazie, Zakaria.

 

 



Articolo postato in Diario quotidiano, Formazione, Storie di vita. Salva il link.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Refresh



navigation ?php endif; ?