Formazione e impegno nel Servizio, i Vademecum della Charité

           

Il 15 marzo 2018 è stato e sarà un giorno da ricordare per la Charité.
Tutto si è svolto nel far memoria di Luise de Marillac, donna di Dio di splendida umanità, che ci ha aperto il cammino sia come stretta e complementare collaboratrice di Vincent de Paul nelle prime attività delle Charité (1617) che come cofondatrice con il “Padre dei Poveri” delle Figlie della Carità.

Il 15 marzo ci è stato consegnato il nostro primo Manuale di Formazione. L’abbiamo vissuto, discusso, scritto insieme.
E ricevendolo, abbiamo sottoscritto l’impegno di seguirne le istruzioni e rispettare il regolamento del Servizio al quale ci dedichiamo.
E’ il primo dei nostri Vademecum Vincenziani dei Volontari della Charité, che riguarderanno i nostri Servizi più strutturati. Poi i vari Regolamenti daranno vita al Regolamento Generale della Charité. Prima sperimentiamo poi scriviamo.

La piccola Charité, che ancora non ha un anno di vita, è già consapevole e sempre più partecipe della necessità, del desiderio di essere formati al Servizio.

La Charité è un dono, gli Amici sono un dono… e noi ricambiamo offrendo noi stessi, lavorando personalmente e insieme per migliorare ogni aspetto del nostro Servizio e promuovere vita, dignità, interiorità, capacità e talenti dei nostri Amici.

Ognuno di noi costruisce la Charité e la sua opera di Carità, ognuno di noi è importante. Ognuno di noi partecipa alla rinascita umana dei nostri Amici… e con alcuni stiamo riuscendo a percorrere cammini ardui, certo, ma esaltanti, gioiosi, e siamo grati a Dio che ci permette di essere strumenti del suo immenso amore.

 

Noi ci impegniamo,
per i nostri Amici  – “signori e padroni” diceva san Vincenzo -  ,
nei quali contempliamo il volto di Gesù,
a seguire le istruzioni del Vademecum “Noi alimentiamo relazioni”
e a rispettare il Regolamento del Servizio della Colazione della Charité,
frutto dell’esperienza che abbiamo vissuto e viviamo giorno per giorno,
tutti insieme e ognuno con la sua bontà, generosità, semplicità,
creatività, dolcezza, fermezza e fedeltà.

data …….             nomi e cognomi leggibili  …….              firme …….      




Signore, come San Vincenzo, fammi buon amico di tutti.
Fa’ che la mia persona ispiri fiducia a chi soffre e si lamenta,
a chi cerca luce lontano da Te,
a chi vorrebbe ricominciare e non sa come,
a chi vorrebbe confidarsi e non ne è capace.

San Vincenzo aiutami perché non passi accanto a nessuno con il volto indifferente,
con il cuore chiuso, con il passo affrettato.
Aiutami ad accorgermi subito di quelli che sono preoccupati e disorientati,
di quelli che soffrono senza mostrarlo,
di quelli che si sentono soli senza volerlo.

Signore, dammi quella sensibilità e quella bontà
che San Vincenzo aveva nel suo cuore

per saper andare incontro ai poveri e ai sofferenti
amandoli con il tuo amore.

Signore, fa che ti possa ascoltare, ti possa seguire,
ti possa amare,

ti possa servire in ogni fratello che mi fai incontrare oggi.




Articolo postato in Annunci, Diario quotidiano, Eventi, Formazione, Giovani, Notizie. Salva il link.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Refresh



navigation ?php endif; ?