“Se a casa c’è qualcuno che ti vuole bene, vacci.”

           

 

Non avevo ancora voglia di andare a casa, ma nel bar non c’era nessuno con cui meritasse parlare.
Invece per la strada ho parlato con un barbone, un vecchio. Ci siamo divisi quella roba che aveva nella bottiglia e io gli ho dato da fumare. Mi sentivo tosta.  Gli ho chiesto da quanto tempo stava sulla strada.
Lui: “Più degli anni che hai, ragazzina. Bisogna essere tosti per resistere così a lungo.”
Io: “Io potrei sopravvivere qui fuori .”
Lui: “Non hai bisogno di provare.”
Io: “Potrei farlo. Vuoi vedere?”
Lui: “Hai una casa , sei fortunata.”
Io: “Perché non credo che sia così?”


Allora è diventato gentile con me.
Ha detto: “Se a casa c’è  qualcuno che ti vuole bene, vacci.”


Ha iniziato a soffiare un vento tagliente e improvvisamente ho sentito un terribile freddo. Non avrei potuto resistere lì nemmeno per un altro minuto. Gli ho dato il resto delle mie sigarette e me ne sono andata a casa.



Jami Attemberg
Santa Mazie
Ed. La Giuntina





Articolo postato in Diario quotidiano, Giovani, Storie di vita. Salva il link.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Refresh



navigation ?php endif; ?