“Speciale Giovani”

           

“La Carità di Santa Luisa”, detta “Charité”, è un’organizzazione di volontariato giovane per istituzione e ancor più per la media di età dei Volontari. Nel servizio quotidiano, l’entusiasmo dei nostri ragazzi ben si armonizza con l’esperienza dei più “navigati” fra noi. Così la creatività infinita dell’Amore si declina a più voci e prepara con speranza il futuro di questa piccola, grande opera.

In questi ultimi giorni, alcuni nostri giovani Volontari hanno chiesto di invitare ai colloqui, agli incontri, al Servizio, parenti coetanei, amici, coinquilini, gruppi dei quali sono educatori o capi; altri giovani ci avvicinano perché ci scoprono in Internet; poi c’è il “contagio” tra gruppi che hanno conosciuto il Servizio della “Charité” di Santa Luisa  – gruppi parrocchiali, Scout, associazioni, scuole… – .    Vivendo con noi il Servizio, incontrando i nostri Amici senza dimora, riflettendo insieme a noi e fra loro, i singoli giovani spesso hanno maturato l’intenzione di dare tempo al Servizio nella loro vita, con continuità ed impegno. E con loro, non di rado, sono arrivati genitori, amici, insegnanti. Gli stessi giovani diventano “evangelizzatori” là dove vivono.

La “Charité” riceve quasi ogni giorno richieste di esperienze di servizio da parte di giovani in gruppo o che si avvicinano  singolarmente, e dopo i colloqui di preparazione e la seguente partecipazione agli Incontri di formazione della “Charité”, vengono introdotti nelle varie attività che si svolgono al “24” di via Nizza.

Ci impegnamo ad accogliere i giovani e a profondere energie, spazi e tempo per loro, invitandoli a conoscere i nostri Amici e a lasciarsi conquistare dai loro volti, Volto di Cristo.

E’ una delle nostre priorità: accompagnare e formare i giovani alla globalizzazione della carità, alla solidarietà, alla generosità e generatività, alla responsabilità comunitaria nella società nella quale vivono. Siano essi le “sentinelle del mattino” in questo mondo sempre più fintamente connesso, in realtà cieco e sordo al grido di chi soffre.



Articolo postato in Diario quotidiano, Formazione, Giovani. Salva il link.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Refresh



navigation ?php endif; ?